Nel nostro laboratorio è possibile scegliere il tipo di lavorazione più congeniale al recupero dell'oggetto, in alcuni casi casi un rincollo dei singoli pezzi è risolutivo, in altri è richiesto un restauro di tipo conservativo o museale, in altri l'intervento richiesto è del tipo antiquariale, cioè non si deve vedere. I costi ovviamente sono rapportati al restauro scelto.
Qui di seguito alcuni esempi di restauro:




Fig.1: Crespina di Montelupo del XV sec. prima e dopo il restauro. L'intervento è di tipo conservativo con ritocco sottotono.



Fig.2: Versatoio napoletano del XIX sec. Qui l'intervento è di tipo conservativo
con ritocco non sottotono, un tipo di intervento tra il museale e l'antiquariale, indicato spesso per una clientela privata




Fig.3: Grande maiolica di Deruta del XVII sec., prima e dopo il restauro. Intervento simile per tipologia a quello riportato alla figura 2




Grande mensola policroma della Manifattura Minghetti di Bologna, XIX sec.
Prima e dopo il restauro: in questo caso l'intervento è di tipo antiquariale o "estetico" per differenziarlo dal "conservativo". si può notare la ricostruzione
delle parti mancanti e relativa smaltatura




"Il Sig.Bonaventura" memoria di momenti passati in questa deliziosa statuina in porcellana di Fabris prima e dopo l'intervento che ne ha ripristinato il valore
estetico



Chi siamo
Dove siamo
contatti
Tipologie di restauro
Galleria - Laboratorio
Foto - ceramiche antiche
Foto - ceramiche del '900
Dicono di noi
English/Deutsch/franšais
Si effettuano restauri anche sul vetro, rincolli e ricostruzioni, l'esempio qua sotto di un calice.
per vedere degli esempi clicca
qui




In questo vaso stile impero sono stati ricostruiti, smaltati e dorati il collo e la base




Il restauro del gesso ai profani può apparire più semplice, non è cosý:
qui sotto una testa del XIX sec. raffigurante Lorenzo Ghiberti



Si eseguono interventi sulla terracotta, sia di tipo conservativo che di tipo estetico, qui di seguito un tondo firmato Benvenuti



Site Map